Gabriella Mercadini

Nel fine settimana scorso se ne è andata Gabriella Mercadini. Una grande fotografa, un esempio da seguire per le generazioni più giovani. Non avevamo una frequentazione assidua, tutt’altro – non me ne andrei in giro a dire che siamo stati amici per la pelle – ma lei era certamente una persona che incontravo sempre con grandissimo piacere negli anni in cui facevo fotografie vendendole ai giornali. Mi piaceva il suo stile informale, la sua macchina fotografica al collo e poi infilata in borsa con naturalezza, la sua bicicletta. La sua disponibilità a scambiare due parole.

Gabriella Mercadini ha raccontato tanta storia delle donne e della fotografia in Italia. Non sono sicuramente in grado di parlare oltre di lei, ma mi piacerebbe che qualcuno che non ha conosciuto il suo lavoro e si sia imbattuto in queste righe si incuriosisca e vada in cerca. Magari partendo da questa galleria sul sito de Il Manifesto.

(la foto a corredo di questo post è di Luca Musella ed è tratta dalla galleria che appare nel sito de Il Manifesto. Se a Luca o a qualcuno del Manifesto dà fastidio questo utilizzo scrivetemi senz’altro).

2 thoughts on “Gabriella Mercadini

  1. Era mia cugina in seconda. Ci incontravamo spesso alla mostra del cinema di Venezia. Ho scoperto che era mancata da un’altra cugina veneziana e ne sono rimasto addolorato. Potrei usare il link a questa sua pagina sul mio profilo Facebook? Grazie

Comments are closed.